Premere Yintang per il mal di testa frontale

yintang

YINTANG – Sala Decorata

Nell’antichità i Cinesi usavano colorare di rosso l’area tra le due sopracciglia; il punto si trova a metà strada tra il margine interno delle due sopracciglia.

Elimina il vento, ferma il dolore, elimina il calore, calma lo Shen.

Utile nel mal di testa dovuto alla esposizione al vento esterno, o a problemi emotivi con rabbia e irritabilità.

Si può stimolare con la tecnica della pressione Anfa. 

Vedi anche nella mia pagina Facebook  https://www.facebook.com/giacomomarinooperatoretuina/

Prolassi ed ernie: il “crollo” dell’energia della milza

Prolassi ed ernie sono patologie di pertinenza medica.

In Medicina Tradizionale Cinese queste condizioni sono il relazione per lo più con la sindrome “Crollo del Qi della Milza”. In questo caso bisogna fare salire il Qi in modo da rinforzare l’azione di controllo della Milza e aiutare gli organi a ritrovare la loro posizione.

Se non ci sono indicazioni chirurgiche, e accanto al trattamento medico se indicato, utilissimo il Tuina,e, in particolare, la digitopressione su GV20-baihui e CV6-qihai e le manovre di percussione su GV20-baihui, in associazione con la moxa.

Sull’argomento segnalo anche la lettura dell’articolo http://www.medicinacinesenews.it/2018/07/18/prolasso-in-medicina-cinese-quando-lenergia-non-tiene/.

Visita anche la mia pagina Facebook https://www.facebook.com/giacomomarinooperatoretuina/

Coppettazione

Coppette in vetro

La coppettazione in cinese si dice baguanzi, ma è chiamata anche jiaofa, o <<tecnica delle corna>> perché originariamente si utilizzavano corna di bue o di bufalo.

Costituisce una tecnica che è parte integrante della MTC. La coppettazione fa ancora parte del bagaglio della medicina popolare di Turchia, Grecia, Paesi arabi, Spagna, Francia ed è a tutt’oggi ancora praticata in Italia specialmente nel meridione.

In Cina anticamente le corna vuote di bufalo, usate come recipienti per bere il vino, erano usate anche per fare delle ventose, usate nelle malattie esterne e per eliminare il pus.

Oggi si utilizzano dei bicchierini in bambù, che tuttavia non permettono di vedere la zona cutanea su cui si esercita la sua azione. Le più usate oggi sono di vetro: trasparenti, lasciano vedere la parte interessata, ma si rompono facilmente.

Esistono anche ventose di vetro con stantuffo che aderiscono stabilmente ma non scivolano sulla pelle. Altro materiale usato è la terracotta, ma le ventose di questo materiale sono pesanti, e anche esse si rompono facilmente.

Esempi di applicazioni

  • Asma:

BL11-dazhu, BL13-feishu, GV12-shenzhu, CV12-zhongwan, CV6-qihai.

  • Dolore addominale:

ST25-tianshu, CV12-zhongwan, CV6-qihai.

  • Lombalgia:

BL23-shenshu, GV3-yaoyangguan.

Le coppette fisse sono le più usate. A seconda che si debba tonificare o disperdere il loro uso sarà diverso:

  1. In caso di Deficit/Vuoto si userà una coppettazione delicata, con una azione di risucchio minore, può non lasciare segni-lieve stimolazione tonifica.
  2. In caso di Eccesso/Pieno si userà una coppettazione più intensa, l’alone violaceo sarà più intenso-intensa stimolazione disperde.

Necessario fare firmare il modulo di consenso informato soprattutto in relazione al livido che si forma.

Dal Corso di Teoria della Medicina Tradizionale Cinese dell’Associazione QI.

Le coppette sono usate presso lo Studio AdelAsia.

Otto Pezzi di Broccato-Ba Duan Jin

tirare i pugni con sguardo irato

Praticare gli Otto Pezzi di Broccato-Ba Duan Jin oltre ad essere di grande aiuto nel recupero e nel mantenimento della salute è bello anche solo perché i loro nomi sono poetici ed evocativi:

  1. Entrambe le mani sostengono il cielo.
  2. Aprire l’arco a destra e a sinistra.
  3. Una mano spinge il cielo e l’altra la terra.
  4. Guardare la luna alle proprie spalle.
  5. Il pesce muove muso e coda.
  6. Toccare i piedi per rinforzare il lombi.
  7. Tirare i pugni con sguardo irato.
  8. Il pilastro di giada sobbalza 7 volte.

Come esempio riporto la descrizione del movimento e i benefici del Broccato 7.

Con i pugni stretti e lo sguardo irato aumento qi e forza (o tirare i pugni con sguardo irato).

Posizione di partenza mabu, posizione del cavaliere con gambe divaricate e flesse, piedi paralleli, schiena dritta, braccia flesse ai fianchi, mani a pugno, dorsi verso il basso. Espirando si slancia un pugno in avanti che, ruotando, finisce con il dorso in alto. Il movimento parte morbido e gradualmente diventa veloce. Si sgranano gli occhi al momento del pugno. Inspirando si torna alla posizione di partenza e si ripete dal lato opposto. 

Con questo esercizio si attiva la circolazione del qi di tutto il corpo e si aumenta la forza. L’energia, risalendo dai piedi, arriva alle mani e agli occhi. Il canale su cui maggiormente agisce questo esercizio è quello del Fegato, la cui azione è quella di far circolare l’energia qi in tutte le direzioni. L’occhio è l’organo di senso nel quale si apre il Fegato, sgranare gli occhi disperde l’eccesso del Fegato, con una azione calmante su stress, frustrazione, rabbia.

Ripetere l’esercizio 7 volte o multipli di 7.

Da settembre riprendono i piccoli gruppi di pratica di Ba Duan Jin condotti da me presso lo Studio AdelAsia.

Info in segreteria 091.651.2081 o studioadelasia@gmail.com.

Un aiuto per pressione bassa e palpitazioni

palpitazioni

In estate è facile che si manifestino problemi legati alla pressione e alla circolazione. Spesso queste condizioni sono legate alla sindrome Deficit del qi del Cuore in Medicina Cinese.

Consumo del qi del Cuore dopo una malattia cronica, età avanzata con declino del qi, debolezza costituzionale possono portare alla sindrome Deficit del qi del Cuore con palpitazioni, oppressione anche dolorosa al petto, astenia.

A queste manifestazioni si possono aggiungere dispnea, sudorazione facile, pallore, lingua pallida e gonfia, polso debole.

Una combinazione tradizionale di punti da stimolare anche in digitopressione per tonificare l’energia qi e rinforzare il Cuore è: BL15-xinshu e HT7-shenmen.

Fonte:

Studio AdelAsia su Facebook

Punti per nutrire il sangue del Fegato

 

punti shu del dorso

Alcune forme di disturbi del sonno come difficoltà ad addormentarsi, insieme ad astenia, pallore, acufeni leggeri, lievi capogiri, nelle femmine mestruazioni scarse o assenti, dipendono da un Deficit di sangue del Fegato in MTC.

Oltre al trattamento medico, se indicato, il Tuina e la Digitopressione possono aiutare a stare meglio.

Tra i punti indicati molto utili sono BL17 e BL18 sulla schiena, SP10, KI7 e LR3 sugli arti inferiori.

Deficit di xue e il suo trattamento

PC6

In un post precedente ho parlato del Vuoto di energia-qi e del suo trattamento in
digitopressione. In questo post parlerò brevemente del Deficit di Sangue xue.

Sempre seguendo il procedimento della Medicina Tradizionale Cinese MTC se alle manifestazioni generali del Deficit come astenia, pallore, polso debole, si associano invece altre manifestazioni come pallore anche della lingua e delle labbra, che ne sono i segni principali, insieme a palpitazioni, vertigini, disturbi visivi come abbagliamenti, disturbi mestruali, allora potremo parlare di Deficit del Sangue xue.

Questa condizione può dipendere in genere da anche piccole ma frequenti emorragie come nelle mestruazioni abbondanti, per esempio, o da insufficiente produzione di xue per debolezza della Milza o alimentazione scarsa.

La sindrome Deficit di xue potrà essere alleviata, oltre che a una attenzione alla alimentazione secondo i principi della MTC, dalla stimolazione di punti come SP10, BL17, PC6, LR3. 

Trattamenti di 10′-15′ complessivi, 1′-2′ per punto.

Naturalmente ci si può rivolgere a un Tuinaista per un trattamento più completo e individualizzato.

Il vuoto di energia qi e il suo trattamento

ST36

In medicina cinese si parla spesso di “vuoto di energia-qi”. Ma a cosa ci si riferisce con questa definizione?

In presenza di astenia, pallore del viso e polso debole si parla di condizione di “vuoto” in generale. Se a queste manifestazioni si aggiungono una astenia marcatamente fisica, una sudorazione e/o dispnea (affanno) al minimo sforzo, una voce debole, allora potremo dire che la condizione è di “vuoto di qi”.

Tra i punti che si possono usare anche in auto-trattamento per tonificare e rinforzare il qi molto efficaci sono ST36-zusanli e CV6-qihai. 10′ di trattamento complessivo (3′ a punto) per cicli di 10 trattamenti una volta al giorno e 5 giorni di pausa tra un ciclo e l’altro. Particolarmente efficace l’associazione della moxa.

Visita anche la mia pagina Facebook

Giacomo Marino Operatore Tuina

 

 

Paifa Manovra di percussione con le mani a coppa

25624639_1507694836011600_1919180555_o

La manovra consiste nel percuotere ritmicamente la zona da trattare con le mani in posizione a <<coppa>>, come se tenessero all’interno un’arancia, il contatto avviene con la punta delle dita, il margine mediale del pollice e il margine del palmo. Il movimento è di tutto il braccio, ma soprattutto il polso dev’essere particolarmente sciolto e mobile. Si può effettuare con le due mani, anche alternandole.

  • Lavoro lungo le linee
  • lavoro su Punti e zone
  • lavoro sulla muscolatura.

Fonte:

Manuale di Tuina Fondamenti e strategie di trattamento, a cura di Paolo Ercoli, Casa Editrice Ambrosiana

 

Tirare i pugni con sguardo irato

tirare i pugni con sguardo irato

La restrizione degli spostamenti, anche se necessaria, può avere come conseguenza una stato di stress, di frustrazione. In Medicina Tradizionale Cinese in questi casi bisogna “fare circolare l’energia del fegato”. Ecco un esercizio degli Otto pezzi di Broccato Ba Duan Jin molto indicato a questo scopo.

Con i pugni stretti e lo sguardo irato aumento qi e forza (o tirare i pugni con sguardo irato)-zuàn quăn nù mù zēng qì lì.

Posizione di partenza mabu, posizione del cavaliere con gambe divaricate e flesse, piedi paralleli, schiena dritta, braccia flesse ai fianchi, mani a pugno, dorsi verso il basso. Espirando si slancia un pugno in avanti che, ruotando, finisce con il dorso in alto. Il movimento parte morbido e gradualmente diventa veloce. Si sgranano gli occhi al momento del pugno. Inspirando si torna alla posizione di partenza e si ripete dal lato opposto. 

Con questo esercizio si attiva la circolazione del qi di tutto il corpo e si aumenta la forza. L’energia, risalendo dai piedi, arriva alle mani e agli occhi. Il canale su cui maggiormente agisce questo esercizio è quello del Fegato, la cui azione è quella di far circolare il qi in tutte le direzioni. L’occhio è l’organo di senso nel quale si apre il Fegato, sgranare gli occhi disperde l’eccesso del Fegato, con una azione calmante su stress, frustrazione, rabbia.

Ripetere l’esercizio 7 volte o multipli di 7.